Feeds:
Objave
Komentarji

Archive for the ‘Bilingua’ Category

SPOZNANJE

Ljubim ležanje v soncu.
Vznak in zaprtih oči.
Na travi ob morju.

Valovi so koraki moža,
ki ga čakam
s hrepenenjem in strahom.

Zmeraj bliže prihaja.
Neznan je njegov obraz
in ne vprašam ga po imenu.
Bliža se
vroč in nestrpen,
dišeč po zrelem semenju.
Z nežnim nasiljem razpre mi korak
in me dvigne v vrtinec.

Ko oči spet odprem
in se nebo nad mano umiri,
smo le sonce,
trave
in jaz.

Valovi so spet koraki moža,
ki se vračajo k morju.

Ljubim ležanje v soncu.
Vznak in zaprtih oči.
Na travi ob morju.
RIVELAZIONE

Amo giacere al sole.
Supina e a occhi chiusi.
Sull’erba in riva al mare.

Le onde sono i passi dell’uomo
che aspetto
con smania e paura.

S’avvicina sempre di più.
Non conosco il suo viso
e non gli chiedo il nome.
Si avvicina
focoso e impaziente,
odoroso di semi maturi.
Con dolce violenza allarga le mie cosce
e mi trascina in un vortice.

Quando riapro gli occhi
e il cielo lassù si rasserena,
non c’è che il sole,
le erbe
ed io.

Le onde sono di nuovo passi d’uomo
che ritornano al mare.

Amo giacere al sole.
Supina e a occhi chiusi.
Sull’erba in riva al mare.

MILA KAČIČ trad. Jolka Milič

Read Full Post »

Dragi Vojko!

Dragi Vojko!

Sploh ni konec,

ko je prišel Tvoj

zemeljski konec.

Samo vsakodnevne skrbi

si odložil,

potem pa si se odpravil k počitku.

Celo avto je ostal na svojem mestu,

sosedova muca si ga že od nekdaj lasti

in pod njim mirno prede naprej …

Po isti poti, koder si odšel,

nevidno in  neopazno,

prihajaš nazaj.

Med svoje, ki jih ne nehaš ljubiti.

Večno bodo živeli,

od Tvoje ljubezni …

Tvoja nevidna prisotnost,

je danes mnogo večja,

kot kdajkoli prej …

Na vseh poteh,

povsod, kjer si bil,

Bogu hvala, da si bil!

Ambrož

Caro  don Vojko!

Non è affatto una fine

l’arrivo della tua

fine terrena.

Ti sei semplicemente liberato

delle pene quotidiane,

avviandoti poi a riposare.

Perfino la tua macchina sta lí al suo posto,

il gatto dei vicini ormai da tempo se ne era appropriato

e sotto continua tranquillamente a fare le fusa.

Per la stessa strada da dove sei partito,

invisibile e inavvertito,

stai tornando indietro.

Fra i tuoi che non hai smesso di amare.

Vivranno in eterno

del tuo amore…

La tua impercettibile presenza

è oggi ancora più grande

di quanto lo fosse prima…

Su tutte le strade,

dovunque tu sia mai stato,

grazie a Dio che ci sei stato!

Ambrož

Read Full Post »

cover_amoreemorte.jpgV ospredju pesniške zbirke Daneta Zajca: » Amore e morto – Ljubezen in smrt »   je smrt. Pesnik je pri zbirki sam sodeloval in je zanjo tudi napisal spremno besedo. Izdaje pa ni dočakal, ker ga je prehitela smrt. Smrt je prisotna v pesniški tematiki in končno je smrt prisotna tudi pri knjižni opremi akademskega slikarja Vladimirja Lakoviča (1921-1977).  Kot doberdobški rojak je za domačo cerkev naslikal veliko platno z naslovom KRAŠKA APOKALIPSA. Na njem so ob apokaliptičnih jezdecih upodobljeni tudi detajli porušene vasi v prvi svetovni vojni, saj je tu potekala soška fronta. Sliko je v pesniški zbirki predstavila prof. Maruša Avguštin.
Sama pesniška zbirka se sestoji iz treh delov: Smrt, Ljubezen in Jeriha. Tematiko ji je zaznamovala smrt. Najpej smrt pesnika, saj je od vsega začetka tudi pri njej sodeloval in je za zbirko napisal uvodno razmišljanje. Nato sledi pesniška izpoved z motivi smrti in končno tudi sama Lakovičeva slika Kraška Apokalipsa je odsev smrti s povdarkom na posmrtno vstajenje.
Namen dvojezične antologije je prdvsem ta, da se italijanski bralec seznai s slovensko literaturo, za slovenskega bralca pa je zanimiva tudi primerjava lirike v italijanskem jeziku. Delo je izšlo v 200 oštevilčenih izvodih.

***

Questo libro e una raccolta antologica di poesie  di Dane  Zajc – scelte e tradotte in italiano Jolka Milc. Il libro in questione è costituito dalla raccolta Amore e morto – Ljubezen in smrt –  di cui abbiamo detto e da una serie di riproduzioni tratte dal ciclo Apocalisse Carsica del pittore , chi e nato in Doberdò Vladimir Lakovic(1921-1977) che l’artista volle dedicare al suo paese distrutto durante la Prima Guera Mondiale ma anche alle tragiche esperienze da lui vissute nei lager nazisti durante la Seconda Guerra. La pregevole pubblicazione è stata edita per interesse Parrocchia di San Martino Vescovo di Doberdò del Lago in un numero limitato di copie e cura di Jolka Milc su progetto di Ambroz Kodelja. Della parte artistica dedicata a Lakovic si è Matusa Avgustin.
Poesia di Dane Zajc è caratterizzata da una luce oscura che si acuisce ulteriormente per i temi che tratta. Il suo lavoro si connota per un pessimismo di fondo che molto spesso rasenta il nichilismo, il mondo poetico, è percorso dal gelido vento della disperazione, un mondo al crepuscolo con molte più ombre che luce, una panorama di desolazione in cui la creature umane vagano inseguite da animali feroci in un territorio brucato dal sole diurno, la notte freddamente illuminato dalla luna. Una metafora generale che il poeta usa per descrivere la disumanizzazione progressiva della società contemporanea, la rottura degli equilibri con la natura …
Poeti del genere non sono certo amati delle messe perché riflettono nella loro arte ciò che non vorremmo mai vedere di noi stesi… (Trad. Vojko Makuc)

Read Full Post »